Terra e Acqua
Cultura e società
Località
Home

Territorio

La Rete delle Riserve Fiemme - Destra Avisio si sviluppa in corrispondenza della sponda orografica destra della Val di Fiemme, nel Trentino nord-orientale, a ridosso del confine con l'Alto Adige, tra il Parco Naturale Monte Corno ed il Passo di Costalunga, il passo che separa il massiccio del Latemar dal gruppo del Catinaccio. Essa occupa una superficie complessiva di circa 4.089 ha, distribuita sul territorio amministrativo di 9 comuni della Val di Fiemme (Carano, Castello-Molina di Fiemme, Cavalese, Daiano, Panchià, Predazzo, Tesero, Varena, Ziano di Fiemme) e due comuni della Val di Fassa (Moena e Vigo di Fassa).
La "Rete di Riserve Fiemme-Destra Avisio" si caratterizza per la presenza di numerosi e diversi ambienti che esprimono significative valenze naturalistiche e paesaggistiche (torbiere, aree umide, ecosistemi forestali e cembrete su substrati calcareo-dolomitici, ambienti aridi, ecosistema fluviale del torrente Avisio).
La Rete delle Riserve Fiemme - Destra Avisio è complessivamente composta da 25 "nodi" o "riserve" (6 S.I.C/Z.S.C., 18 riserve locali e l'area di protezione fluviale del torrente Avisio)
Riserva locale Brozin Maso Faoro
(foto di Rete di Riserve Fiemme-Destra Avisio)
 
QR Code